Chi lo usa - siti realizzati sotto motore Sar-At:

Faschim

Il sito del fondo di assistenza sanitaria ai lavoratori della chimica è molto più che una semplice vetrina

×
Faschim

Faschim

Tipologia: associazioni

Progettazione: Clèim [2017]

Faschim è il fondo di assistenza sanitaria ai lavoratori della chimica, e garantisce assistenza sanitaria ad oltre duecentomila italiani.

Il sito Internet è stato rilavorato l'ultima volta nel 2017 in modo che ogni singola pagina sia responsive, ovvero consultabile anche dai piccoli schermi degli smartphone. Il sito precedente offriva solo i contenuti fondamentali il modalità mobile.

Oltre alla vetrina — in cui il fondo di assistenza sanitaria ai lavoratori della chimica e alle loro famiglie si presenta e si racconta — il sito presenta anche un'area riservata che mostra agli associati alcune informazioni privilegiate.

Il tariffario, che ilustra le migliaia di prestazioni erogate dal fondo, è disponibile sia con un motore di ricerca interno che consente di localizzare rapidamente l'intervento necessario, sia in forma di un PDF impaginato. Accomazzi.net ha realizzato un programma dedicato che lo ri-genera istantaneamente ogni volta che viene eseguito un cambiamento, per esempio se si rende disponibile una nuova prestazione sanitaria rimborsata.

Alcuni grafici, a partire da quello accessibile a tutti che mostra l'andamento delle iscrizioni a Faschim, sono realizzati con la funzionalità Chart caratteristica del nuovo Sar-At 12 introdotto ad agosto 2017. In pratica, il grafico risulta vettoriale, dunque nitidissimo a tutte le risoluzioni, interattivo, accessibile ai non vedenti e altri portatori di handicap.

Anche la base dati delle strutture sanitarie convenzionate è dotata di un comodo motore di ricerca. Su piattafroma mobile è possibile farsi guidare dal GPS del telefonino all'indirizzo esatto. I risultati di qualsiasi ricerca sono esportabili su PDF pet massima comodità del visitatore.

La sezione video permette di ospitare filmati anche in altissima qualità e senza necessariamente appoggiarsi a soluzioni terze come YouTube.

Un modulo di contatto e la predisposizione per la newsletter completano l'offerta.